COME ACQUISTARE

1 Scegli i servizi da acquistare.
2 Login o crea un nuovo account.
3Paga, invio sempre GRATUITO.
4 Bridgeadv crea per te.

Per qualsiasi problema contattaci inviando una mail a staff@bridgeadv.net

DETTAGLI DIMENTICATI?

Different Rhythms, Different People.

CB12

 

  • IDEA

Il progetto per CB12 nasce dallo studio del prodotto: come funziona, in quali occasioni se ne ha bisogno, quanto influisce sulle persone che si sentono a disagio; in poche parole, quando si crea il problema?

Partiamo dal presupposto che il problema sia nella nostra bocca ed in particolare si amplifica dopo aver mangiato, quando i batteri attaccano le particelle di cibo e danno luogo a gas maleodoranti che causano l’alito cattivo. Spesso, inoltre, ci capita di mangiare fuori casa, vuoi per piacere o per lavoro. Questa usanza è ormai una abitudine molto diffusa ed è proprio nei luoghi dove si consuma cibo che ha sede la nostra idea principale (guerrilla mktg): si tratta quindi di ristoranti, pizzerie, aziende come McDonald e Burger King.

Qui utilizziamo le tovagliette monouso come supporti per la nostra campagna pubblicitaria: la stampa della adv di CB12.

Così, mentre i clienti mangiano, CB12 ricorda agli avventori che dopo potrebbe puzzargli l’alito e contemporaneamente offre loro la soluzione. Cosa fondamentale, la soluzione viene proposta al momento giusto, ossia al momento del bisogno, il ché rafforza maggiormente il legame tra consumatore e prodotto pubblicizzato.

Questa campagna è stata sviluppata dal cliente in diversi luoghi e potenzialmente è sfruttabile anche in parchi attrezzati come ad esempio Mirabilandia, oppure in località turistiche di mare e montagna.

  • Visual

Il layout viene creato in base al processo di comunicazione. Il disagio si avverte quando c’è appunto comunicazione tra due persone nello stesso ambiente, ed è in questo momento che ci si può accorgere dei problemi di alito cattivo.

Uno dei simboli del filtro della respirazione nei momenti più drammatici è la mascherina, che si utilizza solitamente in caso di polveri più o meno nocive.

Nel nostro caso la mascherina è rappresentata come una scorza di cipolla, ma presenta tutti i crismi dell’oggetto classico: forma, elastico e stanghetta sul naso.

Il simbolo del disagio viene in questo modo reso più esasperato.

Claim della campagna di guerrilla marketing è “Smaschera l’alito cattivo“. Gioco di parole evidente tra lo scoprire e annientare l’alito cattivo, e la mascherina utilizzata.

  • Applicazione Guerrilla Marketing
  1. Tovaglietta chiusa che mostra la sola maschera di cipolla: il consumatore si chiede “cos’è?” e “perché?
  2. Tovaglietta aperta, nell’angolo l’immagine prodotto col claim che svela l’obiettivo stesso del prodotto.

Cosa abbiamo fatto

  • Briefing
  • Brainstorming
  • Layout grafico
  • Scatti Fotografia Pubblicitaria
  • Post produzione Fotografica
  • Guerrilla Marketing
  • Progettazione Campagna Facebook
  • Impostazioni Campagna AdWords
TOP